Valutazione Neuropsicologica

La valutazione neuropsicologica è un’indagine complessa che permette una maggiore comprensione delle abilità cognitive, comportamentali e funzionali della persona.

Viene richiesta per eseguire un accertamento clinico di patologie neurologiche acquisite, come:

  • Ictus Cerebrale;
  • Forme di Demenza;
  • Malattia di Parkinson;
  • Trauma cranico;
  • Sclerosi Multipla;
  • Neoplasie Cerebrali.

La valutazione neuropsicologica comprende la misurazione delle funzioni cognitive (memoria, attenzione, linguaggio, percezione e funzioni esecutive) attraverso la somministrazione di test neuropsicologici, ma questo è solamente uno dei passaggi che la caratterizzano.

È costituita da:

  1. Raccolta dei dati anamnestici;
  2. Colloquio con il paziente e con i familiari;
  3. Somministrazione dei test cognitivi;

Al termine della valutazione e dopo un’accurata analisi di quanto emerso, verrà stilata una relazione neuropsicologica in cui si chiarisce quanto emerso e le conseguenze che i disturbi possono avere sulla vita quotidiana.

La valutazione neuropsicologica è utile in quanto permette di:

  • Rilevare eventuali difficoltà nelle funzioni cognitive;
  • Identificare alterazioni emotivo – comportamentali;
  • Analizzare le implicazioni delle difficoltà cognitive e comportamentali nella vita quotidiana,
  • Formulare una diagnosi neuropsicologica;
  • Impostare un trattamento di riabilitazione neuropsicologica o di stimolazione cognitiva.

È un’indagine complessa, nella quale non è sufficiente calcolare i punteggi dei test somministrati per individuare eventuali difficoltà. È necessario analizzare i risultati emersi integrandoli con quanto emerso dall’osservazione qualitativa e dalle informazioni ottenute dall’anamnesi e dal colloquio con i familiari.

Per questo motivo è necessario che venga svolta da un professionista con una formazione specifica in neuropsicologia, capace di cogliere le sfumature e le informazioni che l’osservazione del paziente può fornire ed integrarle con la conoscenza dell’organizzazione funzionale e strutturale dell’architettura cognitiva.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *